Le Carrozze Sottorete sono partite di buon mattino, destinazione Civitanova Marche e, approfittando della partita che si giocava alle 18, hanno fatto una sosta culinaria (sempre ben apprezzata) per mangiare il pesce.

Il condividere un pranzo, oltre ad essere sempre un buon momento di aggregazione, è anche un obiettivo importante per l’associazione.

A pancia piena il gruppo delle “Carrozze Sottorete” raggiunge il palazzo dello sport e, in un Eurosuole Forum gremito in ogni ordine di posto alle 18 va di scena lo scontro diretto tra la Lube Civitanova e L’Azimut Modena (rispettivamente seconda e terza forza del campionato).

L’Azimut scende sul parquet dei campioni d’Itaia con un sestetto privo di Giulio Sabbi e del fuoriclasse francese Earvin Ngapeth e si presenta con il seguente Starting Six:

Bruno in regia, Argenta opposto, al centro Daniele Mazzone e Max Holt, schiacciatori Marteen Van Garderen, Tine Urnaut (MVP a fine partita con 15 punti a referto) e Salvatore Rossini libero.

La Lube risponde con Micah Christenson al palleggio,Tsvetan Sokolov opposto, Osmany Juantorena e Taylor Sander schiacciatori, Davide Candellaro ed Enrico Cester centrali, Jenia Grebennikov libero.

La Partita:

Il primo set parte con un ace di Argenta e l’Azimut scappa sul 5-7. In campo Modena si mostra superiore in tutti i fondamentali e soprattutto è capace di arginare i terminali offensivi principali della Lube, Sokolov e Juantorena. La nostra squadra si mostra efficace anche in ricezione, difesa e servizio, con Mazzone che effettuta muri importanti. Nella Lube il pari ruolo Candellaro sigla il 20-22, ma, un grande attacco al secondo set point di Tine Urnaut, chiude il primo set a nostro favore 23 a 25.

Nel secondo set sale in cattedra il giovane Argenta e in poco tempo l’Azimut, sempre concentrata e attenta, si trova avanti 11-15. Bruno mette in moto gli schiacciatori offrendogli un bel gioco e i gialloblu salgono in cattedra, siamo 14-9. Cester, grazie alla sua insidiosa battuta float, riavvicina la Lube fino a due punti di distanza, siamo 12-14, ma un bravo Argenta e una bella distribuzione di gioco da parte di Bruno, chiudono anche questo set 21 a 25 con l’Azimut che si trova a condurre la partita per 2 set a 0.

All’inizio del terzo set la Lube prova a cambiare l’inerzia della partita inserendo Kovar per Sander e Stankovic per Candellaro ma i cambi non sortiscono gli effetti sperati.

L’Azimut, ancora piu determinata a portare a casa l’obiettivo, spinge ancora di più sull’accelleratore e, nonostante il 3 a 0 iniziale della Lube, i modenesi non si scompongono.

Si gioca in sostanziale parità fino al 10-10 poi la Lube prosegue la sua rincorsa fino al 14-12 ma, grazie al servizio pungente di Bruno prima e Tine Urnaut poi i modenesi trovano il sorpasso, siamo 16-19. La partita la chiude quindi Holt 19-25.

Questo è stato solo il primo atto di un fine gennaio infuocato. Le due compagini si ritroveranno infatti di fronte in occasione della final four di Coppa Italia fissata a Bari sabato e domenica prossima. Lube ed Azimut si giocheranno la qualificazione alla finale il 27 gennaio alle ore 15.30. Le altre due semifinaliste saranno la Sir Safety Conad Perugia e la Diatec Trentino che giocheranno sempre sabato alle 18. Domenica poi, nel primo pomeriggio, le due squadre vincenti di queste sfide si ritroveranno per la finale e la conquista della Coppa Italia.

Al palasport di Bari ci si aspetta una due giorni di volley altamente spettacolare e una delegazione delle Carrozze sosterrà i propri beniamini anche al sud presentandosi puntuali come al solito al Palaflorio di Bari.

FINO ALLA FINE AVANTI GIALLI!!!!