Domenica 18 febbraio, in un “PalaPanini” delle grandi occasioni è andata in scena una delle partite più attese e seguite da tutti i veri appassionati di volley, il derby dell’A22 tra Azimut Modena e la Diatec Trentino.

I padroni di casa si sono schierati in campo con un sestetto rimaneggiato causa vari infortuni.
Bruno al palleggio, Argenta opposto (Sabbi e ancora ai box per problemi alla spalla), Van Garderen per i primi tre set e Tine Urnaut in posto 4, Daniele Mazzone al centro con Max Holt e Rossini libero.

Trento risponde con Giannelli in regia, l’ex di Modena Vettori opposto, Lanza e Kovacevic, anche lui ex di Modena, in posto 4, Kozamernik ed Eder in posto 3 e De Pandis libero.

La partita si mostra fin dalle prime azioni molto equilibrata con Trento che prende un primo vantaggio di tre punti e Eder al servizio che porta la squadra fino al 14-20. Modena però non si scoraggia e, dopo aver inserito nel sestetto Swan Ngapeth al posto di Van Garderen, sale in cattedra mettendo a segno muri importanti che le consentono di aggiudicarsi il set ai vantaggi, 28 a 26.

Nel secondo set Swan Ngapeth conferma il suo posto da titolare.
Giannelli distribuisce il gioco soprattutto in posto 3 portandosi avanti nel punteggio. Holt al servizio riesce a recuperare lo svantaggio fino al 22 pari, ma Trento, sbagliando meno, si porta a casa il set vincendolo ai vantaggi, 26 a 28.

Fin dall’inizio del terzo set Vettori e Kovacevic sono per Giannelli ottimi riferimenti, con il serbo che si mostra molto positivo in tutte le fasi di gioco. Modena, nonostante la prestazione al servizio di Holt e l’ingresso in campo a metà set di Earvin, non riesce a contrastare Trento, che si accaparra anche questo parziale per 22 a 25.

Modena non si abbatte ed entra in campo confermando Earvin e mostrandosi più determinata e incisiva. Grazie ad un gioco migliore, agli ace in battuta di Ngapeth, Urnaut e Holt riesce a portare a casa questo set per 25 a 17. L’incontro è nuovamente in parità, siamo 2 a 2 e ci si deve giocare tutto al tie breack!!!

Trento ingrana meglio e al cambio campo siamo 5 a 8 per loro con un super Lanza. Trento, più cinica a muro, nonostante il break al servizio di Holt, si aggiudica il set e l’incontro per 13-15.

Alla fine della partita viene premiato come miglior giocatore Kovacevic.

Le Carrozze Sottorete come sempre presenti a bordo campo hanno sostenuto e tifato i loroi beniamini dal primo all’ultimo punto.