In un PalaPanini delle grandi occasioni per un antipasto di quelli che saranno i playoff che partiranno tra un paio di settimane con Modena che con ogni probabilità incontrerà la Revivre Milano dell’ex Matteo Piano, in una gelida domenica di fine febbraio, Perugia incappa nel tredicesimo stop consecutivo con i rivali canarini.

Modena, ancora carente di titolari a causa di vecchi e nuovi infortuni, schiera il seguente sestetto: Bruno in regia, Argenta opposto, Ngapeth e Urnaut (MVP dell’incontro) in posto 4, Holt ed Elia Bossi (inserito al posto dell’infortunato Mazzone) al centro e Rossini libero.
Perugia si schiera invece con il sestetto base composto da Luciano De Cecco al palleggio, Alexander Atanasjevic opposto, Anzani e Podrascanin centrali, Aaron Russell e Ivan Zaytsev schiacciatori di banda, Colaci libero.

Nel primo set Perugia accellera dai 9 metri, e, dopo un inizio equilibrato, Atanasjevic sale in cattedra firmando 12 punti portando la squadra umbra ad aggiudicarsi il set per 21 a 25.

All’inizio del secondo set entra in cattedra Ngapeth, Bruno non smette di affidarsi al transalpino e il muro modenese diventa a tratti insuperabile per Perugia consentendo ai canarini di essere sempre in vantaggio e chiudere il set 25 a 20. Siamo 1 a 1.

Nel terzo set si parte in parità ma Modena, spinta dall’inerzia del secondo set vinto, comanda il gioco. Aaron Russell e Atanasjevic sono avulsi dal gioco, Modena mette in campo un servizio piu conservativo e si porta a casa anche il terzo set per 25 a 20.

Nel quarto set inizia la sfida sottorete tra Ivan Zaytsev e Earvin Ngapeth che non si risparmiano mettendo a nudo tutto il loro talento con giocate di altissimo livello. Ngapeth mura Atanasjevic ma De Cecco, grazie ad una insidiosa battuta float, fa allungare la Sir. Russell in questo set mette a segno 8 palloni su 8. Perugia si porta in parità per 21 a 25 e ci si gioca tutto al quinto set.

Nel tie break è Perugia ad andare in vantaggio al cambio campo sul 7 a 8. Due muri consecutivi dei canarini però svegliano Modena rimettendo in discussione la partita. Urnaut mura Atanasjevic e nell’azione successiva Holt ferma Anzani. Arriva poi l’errore di Russell e Modena si trova in vantaggio per 12 a 9. Perugia prova a reagire con lo statunitense riavvicinandosi fino all’11-12. Modena però non si fa intimorire e Argenta mura Zaytsev, siamo 13 a 11. Al secondo match point Podrascanin, nell’intento di fermare a muro l’attacco di Ngapeth, commette invasione consentendo così a Modena di chiudere la partita per 15 a 13.

Le Carrozze Sottorete non potevano mancare a bordo campo per sostenere i propri beniamini in una partita così importante.