In un incontro valevole per la 4° giornata della Superlega l’Azimut affronta la Revivre Milano degli ex Bossi, Piano e il coach Giani. La Revivre si schiera con Sbertoli al palleggio, Hirsch al posto 2, al posto di Abdel Aziz, Maar e Clevenot in posto 4, Kozamernik, Piano al posto 3, Pesaresi libero.  I padroni di casa rispondono con: Christenson (Mvp del match) al palleggio, Pinali che sostituisce un acciaccato Ivan Zaytzev in posto 2, Kaliberda al posto del polacco Bednorz in coppia con Urnaut in posto 4, Holt e Anzani in posto 3, Rossini libero.

Nel primo set si parte con un corposo 6-0 per l’Azimut con Christenson che si dimostra abile a servire tutte le bocche da fuoco modenesi e Milano dal canto suo non riesce a controbattere. A suon di ace l’azimut chiude 25-15, 1-0.

Nel secondo set la musica non cambia, all’inizio Milano in cabina di regia parte con Izzo al posto di Sbertoli e in un attimo Modena va sul +6, 15-9. Basic rileva Maar, si va sul 21-15 e in un attimo Modena chiude il set 25-18 che sancisce il 2-0.

Stesso copione nel terzo set, Basic e izzo rimangono sul taraflex, Pinali in grande spolvero e Mazzone sostituisce Anzani sul 20-12. Milano si arrende per il 25-16 finale. 3-0.

Con questa vittoria l’Azimut raggiunge il secondo posto in graduatoria a quota 11 punti, dietro Perugia a quota 12 e con due punti di vantaggio sulla coppia rivale Cucine Lube Civitanova e Itas Trentino.

Luca Scognamillo