Addì 12 del mese di dicembre dell’Annus Domini 2016.

Questa data rimarrà fissata per sempre nei ricordi e nel cuore di tutti i tifosi gialloblù. La prestigiosa Modena Volley, già Gruppo Sportivo Panini, festeggia con grinta e ardore il suo 50° compleanno. Questo pluridecorato sodalizio ha infatti iniziato la sua gloriosa Storia nell’anno 1966, quando il nostro stimatissimo, compianto e sempre ricordato presidentissimo Giuseppe Panini, ebbe la starordinaria intuizione di creare questa Società Sportiva destinata a scrivere la Storia del Volley nazionale ed europeo.

E’ stata una grande festa per la città, e per i numerosissimi tifosi che seguono con costanza e tanto amore questa squadra, che tante soddisfazioni (e “qualche” sofferenza) ha regalato nel corso dei suoi 50 anni. Come emergerà nel prosieguo della serata, non c’è stato decennio della sua Storia che sia stato compiuto senza trofei. Modena ha lasciato sempre il suo marchio, alcune volte in molte occasioni, altre poche, ma sempre e costantemente.

Anche noi, ormai consolidatissimo gruppo dell’Associazione Carrozze Sottorete Onlus DAG & PVK (altrimenti detto “Carrozze”) non potevamo mancare a questo evento epocale, importantissimo, non solo per la Società, ma per TUTTA la città!

La nostra “casa”, il blasonato PalaPanini, era vestita a festa come non mai: un tempio del volley trasformato in un bellissimo teatro che, nell’occasione, avrebbe fatto invidiare la Scala di Milano! Luci abbassate, fari psichedelici, rigorosamente gialloblù, e tantissimi tifosi felici e consci del grande momento che stavano vivendo, fungevano da straordinaria cornice a questo evento fantastico, come questa Società merita.

Tutta la serata è stata, giustamente, improntata sulla Storia della Società, sezionandola in decenni e analizzando in profondità ogni periodo. Per ognuno di questi frammenti di tempo, sono stati chiamati sul palco (bravissimo il nostro amico conduttore, Lorenzo Dallari) i protagonisti dei periodi presi in esame (avete capito bene, anche i protagonisti del ’66) e tutti sono stati ricordati. In particolare i giocatori che hanno prima contribuito a farci entrare nell’Olimpo del Volley partendo dal basso, dalla Serie C (1966-67), attraverso la B (1967-68), arrivando alla A nel 1968-69 e vincendo subito il primo scudetto la stagione successiva (1969-70). E già da qui comincia la gloria: la prima società sportiva di volley in Italia a vincere un titolo di Campione nazionale in 4 anni partendo dalla terza serie! La vittoria era ed è nel nostro DNA!

E’ stata anche ulteriore occasione per ricordare Antonio Barone, purtroppo recentemente scomparso, che ha fatto parte del primo periodo gialloblù. Ancora grazie, Antonio!

In questo primo decennio sono arrivati 4 scudetti: oltre al già citato 1970 sono arrivati il 1972, 1974 e il 1976. Le immagini in bianconero si trascinavano dietro le emozioni di chi, in quegli anni di volley pionieristico, ha vissuto in prima persona questi trionfi, e anche per la nostra giovane generazione, per aver visto da dove siamo partiti.

Il decennio successivo fu altrettanto ricco di soddisfazioni: arrivarono ben 4 Coppe Italia (1979, 1980, 1985, 1986), 2  Coppe delle Coppe (1980 primo alloro internazionale, 1986), 3 Coppe CEV (1983, 1984, 1985) e lo scudetto del 1986, il primo di uno storico filotto di successi (4 consecutivi, record detenuto ex-aequo con Ravenna 1946-1949).

Il decennio ’86-’96 si apre con i tre scudetti fino al 1989, per continuare con altre 2 Coppe Italia (1988, 1989) e si chiude questo glorioso ciclo con la conquista della Coppa Campioni (la prima) nel 1990 con nome Philips. Seguono anni un pò in sordina (si vive, nel 1993, la fine del ciclo Panini: grazie Giuseppe) fino al 1994 quando conquistiamo la Coppa Italia, vinta anche l’anno dopo (1995) insieme al nostro nono scudetto, la terza Coppa delle Coppe e la nostra Supercoppa Europea battendo, nell’occasione, l’acerrima eterna rivale Sisley Treviso. Come coronamento di questa rinascita, rivinciamo la Coppa Campioni l’anno dopo (1996), la prima di un filotto di tre successi in questa competizione.

Il 4° decennio comincia con due Coppe Campioni consecutive (1997, 1998) e lo scudetto della Stella, il decimo, (1997) contornato, nello stesso anno, dalla conquista della prima Supercoppa Italiana. Altra pausa, dove ci rammarichiamo per due finali scudetto consecutive perse e si torna a vincere, onestamente ammettendo, inaspettatamente il nostro 11° titolo nazionale dopo una bella battaglia durata 4 partite contro la potenza di quel periodo: Treviso. Questo periodo si chiude con un altro alloro internazionale: la Coppa CEV del 2004.

L’ultimo decennio, nonostante l’affermazione in Challenge Cup (ex Coppa CEV) nel 2008, è stato un pò in ombra e ha visto la rinascita di Modena con una rinnovata leadership che vede al timone la grande Presidente Catia Pedrini, coadiuvata dal nostro ex-giocatore e campione, Andrea Sartoretti: nell’arco di due stagioni, sono arrivati 5 trofei nazionali: 11° Coppa Italia e 2° Supercoppa Italiana nel 2015 e gli altri tre racchiusi in un anno solare: l’attuale (12° scudetto, 12° Coppa Italia e 3° Supercoppa Italiana). NON SI POTEVA SPERARE DI MEGLIO PER I NOSTRI PRIMI 50 ANNI!

Ovviamente alla fine c’è stata la grande sfilata dell’attuale squadra Campione d’Italia: tutti i nostri ragazzi davanti ai loro agguerriti sostenitori!

Questa è stata la Storia della Gloria!

In ogni decennio analizzato si sono succeduti i giocatori che avevano preso parte alle squadre nei relativi periodi (l’indimenticabile Bazooka, Luca Cantagalli, presente su tre periodi, un mito!), ed è stato come riempire un firmamento di tante stelle, si respirava aria di un gloriosissimo passato e di uno straordinario presente, con ricordi, aneddoti e tanti, tanti successi. Grazie a tutti, Campioni!

Abbiamo potuto usufruire di tanti contributi video di personaggi (soprattutto Persone) importanti che non hanno potuto essere presenti in questa magnifica serata; in particolare, molto sentiti da pubblico, Gardini, Bas Van de Goor, Bruninho e il grande allenatore che più di tutti gli altri ha VINTO con questa Società: Julio Velasco!

E’ intervenuto Antoine, storico radio-telecronista di tantissime partite gialloblù, testimone oculare di straordinari successi, che con la sua voce appassionata ha trascinato generazioni di modenesi a godere dei trionfi che negli anni si sono succeduti. E questa volta, con la sua carica di entusiamo, ha presentanto anche noi tifosi: prima il gruppo storico, il più grande, persone che hanno dato la vita al tifo per questa squadra, cominciando con Febbre Gialla, poi Torcida e Kollettivo, per finire, di nuovo tutti insieme, Irriducibili Gialloblù; poi NOI, il gruppo “speciale”, la novità italiana tutta modenese per eccellenza, NOI, i “Carrozze”, presentati da Antoine, consacrati e stimati da tutta la città. Sì, i Carrozze hanno vissuto il loro grande momento di Gloria!

SEMPRE AVANTI MODENA, SEMPRE AVANTI GIALLI! IL TROFEO PIU’ BELLO E’ SEMPRE QUELLO CHE SI DEVE ANCORA VINCERE! E’ COSI’ CHE CONTINUA LA GLORIA!