3 punti preziosi

Oggi primo dicembre, Carrozze sotto rete, nel primo pomeriggio si è recata alla volta di Desio, per seguire la partita tra Monza e Modena, valevole per la decima partita di campionato.
Nonostante la pioggia, ancora una volta, abbiamo superato gli ostacoli e siamo arrivati al Paladesio. In un palazzetto sold-out si sono affrontate le compagini, rispettivamente di Monza e Modena. I due starting six: la Vero-volley Monza parte con Orduna in regia, Bartosz Kurek in posto due, Benassi e Yosifov in posto tre, Zavornok e Louati in quattro e Goi libero.
La Leo Shoes risponde con il sestetto tipo, Christenson al palleggio, Zaytsev opposto, Holt e Mazzone centrali, Anderson e Bednorz in banda e Rossini libero.
Modena parte, dopo un iniziale punto fino al 8 a 8, crea un solco tra lei e l’avversario grazie alla sapiente regia di Capitan America, aiutato anche da un ottima efficienza di squadra dai nove metri, ne consegue un gioco fluido in tutti i fondamentali, il set si chiude 25 a 15.
Stesso copione avviene sia nel secondo set, chiuso allo stesso risultato del primo, sia fino al 18-11 del terzo, qui si registra un piccolo calo di concentrazione, e la Vero-volley, prima pareggia 23 pari, per poi portarsi a casa il set e riaprendo la partita.
La quarta frazione della partita si gioca punto a punto fino al venti pari, dove però la Leo Shoes resiste agli attacchi gli Monza e riesce a chiudere la partita 22 a 25.
Si è notata la gran prova di Bednorz (MVP) e la ottima fase difensiva di tutta la squadra.
Modena così riesce a portare a casa tre punti importanti, su un campo difficile, che le garantiscono il terzo posto, alle spalle di Sir e Lube.
Onore agli avversari che nonostante fossero sotto due a zero non si sono mai arresi, lottando su ogni pallone.
Carrozze sotto rete, festante per la vittoria ottenuta, vi aspetta al Palapanini, per la sfida con Verona.
Fino alla fine avanti gialli💛💙                                                                                                       

Articolo di Luca e Parmenide
                                                                                                      

Lascia un commento